Tag

, , ,

Guardànd la légna ch’la bruśa int al camìn

Coperjpg

Imparśunà da léŋgv ad fógh
la légna, ùmda, la sćicla int al camìn;
l’è al so ùltim zigh da strangulà
(ill so falìv ill profuma ad réśna)
e la lasa la luś coŋ uŋ cald bóŋ.

Pó la s’iŋrodla in gémb ad fum
źmandgàndas ad tut’ill staśóŋ
e, intant che fóra a bùi ill fój
d’na piupóna, la tróa da nóv int l’aria
i culùr e j’udùr di vól d’j’uśié.
 

 
Guardando la legna bruciare nel camino

Imprigionato da lingue di fuoco / il legno umido grida nel camino; / è l’ultimo suo pianto da sgozzato / (scintille dall’alito resinato) / e lascia luce e caldo carezzevole. // Poi si avvolge in gomitoli di fumo / dimentico di tutte le stagioni / e, mentre fuori bollono le foglie / di grasse pioppe, ritrova nell’aria / colori e odori di voli d’uccelli.)

[Al fil źrudlà (Il filo srotolato), Presentazione di Diego Marani, Prefazione Zena Roncada, Al.Ce., Ferrara 2015, pag. 24]

 

Annunci